Protagonista della Tua Vita, del Tuo Lavoro, anche nel Web
personalità facebook
# Come Fare Personalbranding# Come Fare Psycho Identity

Dimmi come usi Facebook e ti dirò chi sei!

Come l’utilizzo dei social network può svelare la nostra personalità
di Anna Fata

Ogni nostra azione, decisione, comportamento, modo di porci rivela qualcosa di noi, della nostra persona, del nostro intimo, dei valori, dei pensieri, delle emozioni, delle credenze, delle priorità.
Persino il modo in cui utilizziamo i social network.

Ad esempio, Amy Morin ha rilevato che l’uso di Facebook è in grado di svelare alcuni dettagli della nostra personalità:

le persone con un numero elevato di amici su Facebook hanno un’autostima bassa. Le persone che sono preoccupate per la loro percezione pubblica di fronte agli altri hanno un numero elevato di amici su Facebook. Pare che le persone auto consapevoli compensino la loro scarsa autostima tentando di apparire popolari sui social network;
le persone estroverse aggiornano il loro profilo più spesso rispetto agli introversi. Al pari della vita offline, gli estroversi socializzano di più anche sui social network, si avvalgono di più del pulsante “like”, caricano più fotografie, aggiornano più spesso il loro status;
le persone coscienziose organizzano le loro foto attentamente. Le persone coscienziose sono lavoratori autodisciplinati che trascorrono grandi quantità di tempo su Facebook. Quando esse utilizzano Facebook lo fanno in modo molto sistematico e organizzato;
le persone aperte completano in modo più diffuso e dettagliato il loro profilo. Le persone aperte hanno spirito creativo, artistico, immaginativo, usano tutti gli strumenti possibili disponibili su Facebook e completano con cura ogni dettaglio del profilo con le loro informazioni personali. Inoltre, postano più messaggi e interagiscono con gli amici;
i narcisisti formulano più rivelazioni di sé che contengono contenuti auto promozionale. I narcisisti, persone con una forte concezione di sé e grande senso di unicità e superiorità, cercano costantemente attenzione e affermazione su Facebook. Essi postano più di frequente post su se stessi al fine di suscitare “like” e commenti che alimentano le loro convinzioni della loro importanza. Inoltre amano i selfie e condividono quelli che considerano migliori e che pensano attrarranno maggiormente l’ammirazione altrui;
le persone nevrotiche pubblicano prevalentemente fotografie. Le persone nevrotiche, cioè pià suscettibili di ansia e stress, cercano l’accettazione altrui postando foto. Poiché pare che esse abbiamo difficoltà comunicative, si avvalgono delle foto per esprimersi. Inoltre le foto sono meno suscettibili di controversie rispetto ai commenti che li potrebbero rendere ansiosi nell’attesa delle risposte altrui. I nevrotici tendono ad avere più fotografie in ciascun album, pare per il desiderio di apparire in una luce positiva. Essi si avvalgono delle foto per cercare di apparire più felici e in grado di avere buone relazioni con gli amici. Nel tempo, però, sembra che il loro comportamento evolva, essi cercano di imitare gli amici al fine di ridurre il senso di solitudine e per essere accettati;
le persone ben accette tendono ad essere taggate più di frequente. Poiché le persone piacevoli tendono a comportarsi in modo caldo, amichevole, meno competitivo, non sorprende che i loro amici abbiano piacere di sottolineare la loro presenza nelle loro foto.

Non solo quello che pubblichiamo rivela la nostra personalità, ma anche come lo facciamo e cosa decidiamo di escludere.

Tweet: Non solo quello che pubblichiamo rivela la nostra personalità, ma anche come lo facciamo e cosa decidiamo di escludere

Poiché è molto difficile, alla lunga, nascondere se stessi, la propria vera natura, può valere la pena coltivare la propria autoconsapevolezza e farne buon uso, al fine di coltivare la propria serenità interiore, delle relazioni armoniche con il prossimo, e magari anche delle relazioni professionali fruttuose.

(Visited 82 times, 1 visits today)

Lascia un commento