Protagonista della Tua Vita, del Tuo Lavoro, anche nel Web
Come scrivere un curriculum
Personal Branding

Come scrivere un curriculum: gli errori da evitare

Se vuoi trovare lavoro, quasi certamente avrai bisogno di mettere in campo un buon curriculum vitae. Nonostante gli aiuti dalla rete siano cospicui, le sviste o gli errori veri e propri vanificano la propria candidatura. Anche se ritieni di non avere bisogno di indicazioni in tal senso, ti conviene continuare a leggere questo articolo e verificare se veramente hai fatto un buon curriculum oppure no.

Di seguito vediamo gli errori che si pensa di non commettere mai:

1. Gli errori di grammatica

Non è difficile commettere degli errori di grammatica o di ortografia. Spesso scrivendo una frase, si finisce per cambiare idea e ciò espone a piccoli imprecisioni che se non si rilegge più volte il testo non riescono ad essere viste e corrette. Certo è che si tratta di errori fatali perché i selezionatori del personale sono, su questo punto, intransigenti.

Il computer offre la possibilità di correggere automaticamente gli errori più comuni, e lo fa anche bene, quindi ricordati di selezionare la funzione, di word o di qualsiasi programma di scrittura si stia usando.

Un buon metodo è quello di sottoporre il curriculum appena scritto, ad un’altra persona.

2. Dichiarazioni non oneste e insincere

Talvolta di fronte ad una determinata offerta di lavoro ci si rende conto di non avere abbastanza competenze per competere, oppure semplicemente si pensa che scrivere certe qualità ed esperienze possa portare ad essere selezionati. I responsabili della selezione del personale sono abituati ad indagare sulle reali competenze dei candidati, per cui se sussistono dubbi proveranno a fare delle verifiche o in caso di colloquio si soffermeranno sui punti non chiari.

La sincerità è la prima dote per entrare in qualsiasi azienda, meglio non inserite false qualifiche o esperienze gonfiate che fanno rischiare solo brutte figure.

3. Disordine cronologico

Presentare un documento che vi rappresenta in tutto e per tutto non può avere imprecisioni relative alle date in successione, ne presentarsi come confusionario. L’esaminatore del curriculum ne trarrà le relative considerazioni in merito alla capacità organizzativa.

Spesso questo errore viene generato dalla mancanza di memoria riguardo alle date dei titoli di studio. Piuttosto che scrivere date presunte troviamo il tempo di verificarle per bene.

4. Foto inopportune

La foto non è un elemento richiesto, tranne in particolari settori, come la moda e il mondo dello spettacolo in generale e solo per alcune figure. Se viene inserita può mostrare un lato di se che ha a che fare con la professionalità e la serietà. Le foto delle vacanze, il selfie ammiccante, oppure situazioni fuori contesto sono un autogol. Evitare di inserire una foto di questo tipo è un’opzione preferibile anche se ci viene richiesta.

Da notare che nei paesi anglosassoni non viene accettato un curriculum con foto, per via delle leggi sulle pari opportunità.

5. Eccesso di informazioni superflue

Un curriculum elenca le esperienze, le capacità derivanti dalle esperienze pregresse, e la formazione. L’esaminatore è interessato a capire il dettaglio delle skill, non ha tempo e voglia per leggere dettagli personali della propria vita. Questo errore lo si commette nella lista degli hobby, seppur interessanti molto spesso sono fuori luogo.

6. Anagrafica imprecisa o mancante

Con l’avvento degli smartphone ognuno può cambiare numero di telefono in pochi secondi. Oltre a ciò non c’è più l’abitudine di ricordare il proprio numero telefonico. Confondersi, specie nel prefisso, è banale e capita spesso. E’ un dato importantissimo e non va sbagliato. Gli stessi smartphone non hanno l’affidabilità di un telefono di casa con linea fissa. In caso non si disponga di un numero fisso, possiamo inserire un secondo numero di riserva di un parente, opportunamente informato.

Stessa cosa dicasi per l’indirizzo e-mail. Avere una mail dedicata alla ricerca di lavoro è una soluzione da consigliare per evitare confusione. La mail poi deve essere associata al nome.cognome senza riferimenti di fantasia.

7. Una procedura opportuna se inviamo il curriculum da posta elettronica

Nell’inviare la propria candidatura si possono commettere errori banali come quello di non aggiungere l’allegato. A volte la mail non esce dalla posta elettronica a causa di problemi tecnici o del peso del documento allegato.

Occorre inviare documenti in formato PDF che comprime il peso del file ed allo stesso tempo ne garantisce la qualità. Nell’invio, in copia inseriamo anche il nostro stesso indirizzo mail, in questo modo saremo certi di averlo inviato e di ricevere anche l’allegato correttamente.

 

 

(Visited 5 times, 1 visits today)