Protagonista della Tua Vita, del Tuo Lavoro, anche nel Web
web content writing
StorytellingTechWeb Marketing

Veloci linee guida per un post che vale la pena leggere (e condividere)

Scrivere nel Web creando interesse e coinvolgimento
Di Anna Fata

 

Scrivere per il web presenta delle peculiarità che lo contraddistinguono rispetto ad altri ambienti, soprattutto quelli cartacei. La lettura a video presenta elementi di difficoltà, sovraffaticamento visivo, la molteplicità dei contenuti multimediali rende labile l’attenzione, il multitasking contribuisce a sottrarre energia e spazio a ciò che si sta facendo, il tempo sempre più sovraccarico di impegni impone delle scelte. Leggere in modo approfondito è un’attività che svolgiamo sempre meno, quando lo facciamo scorriamo rapidamente i testi al fine di cogliere gli elementi essenziali e solo di rado e incidentalmente ci impegniamo ad approfondire i contenuti.

Per tale motivo i contenuti online devono rispettare alcune caratteristiche basilari:

• fornire un contenuto: sembra una ripetizione, una ovvietà, ma non lo è affatto. Avere qualcosa che vale la pena scrivere e soprattutto leggere non è da tutti;
• saper rispettare la nota scaletta: cosa, chi, dove, quando, come, solo così il contenuto può essere lineare ed esaustivo;
• avere un target ben preciso: è fondamentale sapere a chi ci sta rivolgendo e conoscere accuratamente aspettative ed esigenze di tale pubblico;
emozionare: solo l’emozione può spingere all’azione;
coinvolgere: suscitare l’identificazione con toni diretti, ma rispettosi, amichevoli, ma non invadenti, avvalersi di esempi concreti, sono modi per suscitare identificazione e consenso;
interagire: offrire la possibilità di replica, di scambio, di arricchimento reciproco, i contenuti in rete tendono ad essere co-costruiti;
• offrire qualcosa di nuovo;
• offrire qualcosa di utile: si deve sempre partire dal punto di vista dell’altro, si scrive per l’altro, cercando di rispondere ad un bisogno, un’aspettativa, un problema;
• anticipare un bisogno recondito: “l’effetto WOW” sorge nel momento in cui veniamo stupiti e ci riconosciamo in quello che l’altro sta dicendo e su cui magari tendiamo a non porre l’attenzione o diamo per scontato;
sorprendere: a tutti piace essere sorpresi, con qualcosa di inconsueto, inusuale, fuori dal comune;
• avvalersi di parole comprensibili, evitare eccesso di tecnicismi, parole straniere, sigle, ecc.;
• usare le parole di chi legge, ancora meglio di quelle che utilizza per fare ricerche, termini e frasi chiave, utili anche per i motori di ricerca, ma senza esagerare per non creare sgradevoli artifici;
• fare uso della semplicità, pur nel rispetto della complessità;
• essere sempre originali, pensare e scrivere con la propria testa, evitare assolutamente il copia e incolla (penalizzante anche per i motori di ricerca), le frasi fatte, l’eccesso di citazioni;
evitare in tutti i modi i proclami commerciali, auto promozionali, autocelebrativi: scrivere serve per offrire qualcosa al prossimo, non per vendere né vendersi;
• citare accuratamente le fonti: non farlo equivale a violare i diritti di copywright;
• fare uso di link di approfondimento, sia interni, sia esterni al sito;
aggiornare regolarmente i contenuti, secondo un piano editoriale ben preciso, in modo da soddisfare le attese del pubblico;
• inserire data di pubblicazione;
firmare il post, meglio ancora con un rimando ad una pagina con il proprio profilo, una breve biografia, ideale se corredata di fotografia in primo piano;
• attenzione alla forma: curare l’ortografia, la sintassi, la forma in senso ampio;
• la forma visiva dovrebbe stimolare la lettura, con paragrafi, elenchi puntati o numerati, grassetti, ecc.;
• avvalersi di forme grafiche, foto, anteprima video, infografiche, tabelle, grafici, ecc, come completamento dei contenuti verbali;
condividere il link ai post sui social network, sul proprio profilo e, dove possibile, nei gruppi, rendendosi disponibili allo scambio, le interazioni, i commenti.

Scrivere è un’arte che concilia utile e dilettevole.

Sta a noi declinarla nel modo più corretto rispetto al contenuto, al contesto, al target di riferimento.

Se vuoi approfondire l’argomento, magari ti può interessare il libro “#Mywebidentity – Aspetti psicosociologici dell’identità online Edizioni Psiconline.

my web identity

(Visited 79 times, 1 visits today)

Lascia un commento