Protagonista della Tua Vita, del Tuo Lavoro, anche nel Web
landing page
Personal BrandingTechWeb Marketing

Come creare una landing page efficace

Aiutare gli utenti a diventare clienti soddisfatti
di Anna Fata

 

Abbiamo parlato a più riprese di diverse tematiche che possono rientrare nelle categorie del marketing, della comunicazione, pubblicità, Personal Branding, psicologia, coaching, galateo e netiquette, content editing, ma in ultima analisi al fondo di tutto questo, che ci piaccia o meno, senza ipocrisie c’è la vendita.

Tutti abbiamo qualcosa da vendere.
Tutti siamo, siamo stati, saremo sempre degli acquirenti.

La sfida, quindi, è come fare in modo che domanda-offerta si incontrino al momento giusto, al posto giusto, con risposte che si adattino perfettamente ai nostri bisogni.

Se questo accade abbiamo un cliente soddisfatto, e alla lunga, se riusciamo a coltivare la relazione, anche fidelizzato, un vero e proprio Ambassador che, grazie al suo passaparola, diventa capace di portare altri potenziali clienti.

Veniamo al punto dell’articolo.
Quando abbiamo incuriosito l’utente al punto da indurlo a cliccare un link che dirige verso il nostro sito dobbiamo fare in modo che le sue aspettative siano soddisfatte. Anzi, di più. Che si vada oltre le sue attese. Che si stupisca e si risponda alle sue esigenze. Anche e soprattutto quelle inespresse, quelle di cui lui stesso è poco consapevole.

Quando arriva sul nostro sito a partire da un link che promette qualcosa, ecco che atterra sulla cosiddetta “landing page”, letteralmente “pagina di atterraggio”, che è finalizzata a indurre l’utente ad eseguire un’azione specifica con lo scopo ultimo della conversione all’acquisto.
Quanto più utenti unici effettuano l’azione desiderata, tanto più alto è il tasso di conversione, cioè l’efficienza della pagina.

Di seguito alcune indicazioni che potrebbero essere utili per creare una landing page efficace:

  • Stabilire degli obiettivi di conversione e comunicazione ben precisi
  • Delineare con cura l’intera strategia per raggiungere gli obiettivi
  • Creare una coerenza comunicativa tra il brand e tutta la campagna comunicativa su ogni piattaforma scelta
  • Mettere in primo piano loghi e colori del brand in modo che sia immediatamente identificabile
  • Mettere in primo piano i contatti
  • Rendere immediatamente raggiungibili e cliccabili i link ai social per la condivisione della pagina
  • Il titolo dovrebbe essere chiaro, accattivante, concreto, completo di parole chiave
  • Il sottotitolo dovrebbe fungere la rinforzo, sottolineatura e specificazione del titolo
  • Immagini e video sono funzionali a rinforzare l’attenzione, con coerenza rispetto all’intero piano comunicativo
  • Esplicitare chiaramente i vantaggi che derivano dall’adesione all’offerta
  • Inserire una call to action chiara, semplice, immediata, allettante, capace di arrecare benefici tangibili
  • Il modulo d’iscrizione dovrebbe essere semplice, leggibile, limitato all’essenziale in quanto ad informazioni richieste
  • Può essere rassicurante per l’utente vedere elementi che alimentano la fiducia (es. riconoscimenti, certificazioni, commenti positivi, ecc.)
  • Curare grammatica, ortografia, forma espositiva, leggibilità generale
  • Ottimizzare tutti i testi per la SEO 
  • Evitare link che possano portare altrove, distrarre, ecc.
  • Non eccedere nella lunghezza della landing page
  • Verificare che sia responsive per tutte le piattaforme
  • Testare un paio di versione ed eventualmente modificarle per scegliere la più performante.

Alcuni strumenti ci possono aiutare a creare una landing page efficace, specie se utilizziamo WordPress, ad esempio: Optimize Press, Thrive Content Builder & Landing Page, WordPress Landing Pages.

 

Vuoi approfondire le tue conoscenze di Marketing e Personal Branding?

Magari ti può interessare il corso: Introduzione al Personal Branding e Nuove Regole del Marketing

corso personal branding

 

(Visited 93 times, 1 visits today)

Lascia un commento